"Scrivere poesie non è difficile.Difficile è viverle.." Charles Bukowsky

venerdì 10 marzo 2017

Ce n'est qu'un début, continuons le combat (non è che un inizio, la battaglia continua)





Ho trasgredito i miei ideali 
laddove il nulla 
                                                          richiamava nell'indifferenza
il silenzio di rarefatte e mute coscienze.

Non fù una semplice utopia
ma il seme costante
d'un  manto di democrazia
che segnò i confini dell'esistenza.


* Ce n'est qu'un début, continuons le combat 

Oggi questa liberta' si contrae
nel suo ampio respiro

e ammaliata dal vortice del capitale
si fonde nella grigia globalizzazione.

* Ce n'est qu'un début, continuons le combat 


"Vendo ideali indescrivibili".
Cosi' recitavano i versi malinconici
posti nell'archivo dei ricordi 
(anarchiche emozioni 
impigliate nel sottofondo della vita).

Ma tutto si è spento negli occhi del mondo.
La magra consolazione  che v'è rimasta
sono le fitte lacrime che ogni giorno
riverso sopra albe spente e tramonti privi di colore.

Ora la salsedine del mare
fissa i miei lunghi colloqui col tempo
gli stessi che ogni mattina mi raccontano
di nuovi fotogrammi esistenziali
come l' unica verita' riflessa nello specchio  
di un  mondo  che oramai non m'appartiene già piu'. 

* Ce n'est qu'un début, continuons le combat 



*ll celebre slogan degli studenti dell'Univeristà della Sorbona del ’68 Francese 
 "Ce n'est qu'un début, continuons le combat " trad. (non è che un inizio, la battaglia continua)

giovedì 9 marzo 2017

Dacci oggi il nostro pane quotidiano







Cerco  nel fumo dell'inverno 
e nella tempesta del mare di Lampedusa, 

l'urlo di morte dei fratelli neri 
partiti dalla  foresta d'Africa 
e mai arrivati nel suolo della terra del sole.




La mia quotidiana sofferenza
e' scavata tra bestemmie
di operai senza lavoro,
laddove neppure Cristo è più onorato

e lì vorrei  adagiarmi
per trovare la sola pietà, confusa

tra lacrime e povertà.


Che Dio ci perdoni:
ci perdoni della nostra  sopravvivenza,
ci perdoni di sentirci fratelli,
ci perdoni l'ennesimo crimine umano,
ci perdoni di questa opulenza sfrenata, 
ci perdoni nel vederti ancora pendente 

...alla croce dell'universo.




Solo i  Tuoi pensieri 
possono ramificare in parti uguali 
e nessuno può essere sradicato 
dalle nostre tavole imbandite:
il nostro grano e vitigno

fioriscono per la carne di Tuo figlio.


E Tu, solo Tu, quintessenza del mondo 

ci hai insegnato il cammino 
nel frastuono del dolore ed hai
riempito la pienezza di questi versi:

et lechem hukaynu ten lonu ha yo
(dacci oggi il nostro pane quotidiano).

venerdì 10 febbraio 2017

Raccogli le mie emozioni



(una  mia composizione)


Mai artificio
rese grembo il dolore.

Ho abbracciato
l'arsura della vita

lungo cattedrali di sabbia
raccogliendo a stento
 riflesse memorie, laddove  
l’incantesimo d'un sorriso
ha rubato i miei occhi
alle tue vetrine d'amore.

Passivo dell’altrui dolore
rileggo a memoria
sillabe mai descritte nel tempo
come il nulla vincente
che s'infrange nell’infinito... 
 solitario presagio
di un incontro mai nato

Le mie mani si diramano
nello spazio vitale,
mentre dolci ricordi di vita
confidano la loro solitudine
nel riassunto di un volto invisibile.

Amai follemente  nel fecondo
sguardo della natura,
perso tra profumi di cardo e mirto.

Fragile è il respiro
di sentimenti che se ne vanno, 
ed io resto solo
con i miei cinquant'anni 
a descrivere amaramente
il dolore della notte,
 sillabe di lettere mai ricevute
tormenti annegati nell'anima 
e baci di figli perduti.

     Tutto si corrode nei vicoli del mondo,
frantumi d'esistenza 
si fondono nella voce del vento
           laddove illusioni e sogni 
non si avverano mai.

Brilla questa pioggia d'argento
sopra diari ammuffiti dal tempo, 
mentre tu...solo tu
sai raccogliere le mie emozioni 
che ho disperso in quel campo 
venduto per trenta sporchi denari,
in quel mare scuro
ricoperto da milioni di stelle cadenti.

In questo disperato appello
raccolgo un tenerissimo bacio
tralasciando fabbricanti d'illusioni
nel lugubre pianto del silenzio
e mi spingo nella luminosa rugiada
a compiere l'ennesimo gesto d'amore
sopra cieli immensi e nuvole bianche...


giovedì 9 febbraio 2017

Dio non è presente (contro ogni eccidio umano)


Oltrepasso questo steccato della memoria 
e  mi rifugio nell'estenuante preghiera
recitando un antico rosario che brucia 
nelle mani nude della morte.

Resto appeso nei vecchi ricordi.

Solitario m'adagio nel tremore notturno.

Cristalli di pianto  scendono lenti
nel manto infinito del destino
dopo una lenta agonia 
che vibra nelle profondità dell’anima.

 Ho cercato una sponda
per uscire da questa prepotenza,
ho provato a balzare nel giorno
e rischiarare le trame del buio, 
ma tutto tace nell'intimo della vita.
                          

 La confusione dei miei pensieri

ha liberato numerosi demoni
radicati nelle viscere umane.

Li ho passati ad uno ad uno,
ho visto il loro volto,
ho scoperto il loro nome,
ho ascoltato la loro voce...
ed ho capito in quel momento
che Dio Onnipotente
mi aveva accolto nelle sue mani




    Brulico emozioni nell'odierna "pietas"
onnipresenza misfatta di voci tremule
che impazza nelle parole di questo poema,
un luminoso vuoto che trascende nella carne
come un remoto sentore di un lungo soliloquio
che di notte mi appare solingo nelle tenebre.

Ed allora cosi’ è la vita
chiusa nelle sue pupille lucenti,
così è la vanagloria di noi assassini,
così è l’esodo di corpi senz’alcun approdo,
così è il grido disperato nel silenzio di una stanza,
così è l'urlo di una partoriente senza letto,
...così è il gemito del condannato a morte.